CABALINGUISTICA


Vai ai contenuti

Boetti

TRENTAQUATTRO ANNI DOPO BOETTI:


“Il lavoro della Mappa ricamata, è per me


il massimo della bellezza. Per quel lavoro io

non ho fatto niente, non ho scelto niente nel

senso che: il mondo è fatto come è e non

l’ho disegnato io, le bandiere sono quello

che sono e non le ho disegnate io, insomma

non ho fatto niente assolutamente; quando

emerge l’idea base, il concetto, tutto il resto

non è da scegliere”.



Alighiero Boetti, 1974.

--------------------

--------------------

Un manifesto nel manifesto, la storica dichiarazione di Boetti. Per me, compositore di cabalinguistica, vale la stessa regola: se faccio anagrammi, rivoltando le parole, non faccio in realtà assolutamente NIENTE. Tutto sta scritto all'interno della (delle) parola (parole) di partenza.



Marco Roascio, 2008


Home Page | Manifesto | Opere | Zapp_Anagrams | Boetti | Auguri2014 | Fantacronaca del 2014 | Momenti evolutivi | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu